martedì 18 dicembre 2012

Cose che mi piacciono del Natale.

Ha. Avete visto? Cado anche io nella facile trappola del post natalizio. Ma dal momento che qua devo rispondere solo a me stessa e a Voi, gentili lettori, e che Voi fino a questo momento mi avete concesso tutto, io ci provo.

Cosa numero uno: le lucine bianche.

C'è in atto una guerra fredda in questa casa, laddove sussistono due scuole di pensiero riguardo alle decorazioni natalizie: la mia, che tenderebbe a ricercare l'ensamble monocromatico, tutto rosso, oppure tutto bianco, semmai bianco e argento, e così via; e quella del mio fidanzato, che invece da sempre è stato abituato alla ridda di colori, verso l'arcobaleno e oltre. Sul nostro albero di Natale vige dunque l'emblema del patteggiamento: decorazioni bianche e argento (mie), illuminate da una fila di lampadine che non avrebbero sfigurato nel set luci del Pachuca* dei bei tempi andati (sue). Ne consegue che da spento è il trionfo del piattismo, da acceso è l'incubo degli epilettici.
La mia rivincita tuttavia ce l'ho con le luci della terrazza. La balaustra è avvolta infatti da un serpentone di lucine bianche, che si accendono dolcemente e altrettanto dolcemente si spengono, illuminando la veranda di un lucore prettamente natalizio. Devo solo sperare che il parapetto pericolante non crolli sotto il peso della luminaria, sarebbe poco d'atmosfera.



Cosa numero due: la televisione delle feste.

Esiste qualcosa di più rassicurante dei programmi televisivi in periodo natalizio? La programmazione è sempre la stessa da anni: "Mamma ho perso l'aereo" se la combatte con "Miracolo sull'ottava strada", insidiati da vicino da "Il Grinch" e qualche altro. Di recente se ne sono aggiunti altri, che apprezzo: "L'amore non va in vacanza", ottimo, "Love actually", delizioso, e poi c'è spazio per qualche risata con l'italianissimo "Un Natale per due". Ho lasciato volutamente per ultimo il grande, indimenticabile e mai troppo visto "Harry ti presento Sally": New York con la neve, alberi di Natale, la storia d'amore perfetta... si merita una replica anche quest'anno, decisamente.



Cosa numero tre: l'abbuffo libero.

A Natale pare che tutti si dimentichino della dieta, ma anche della dignità e del senso della misura. Gente che normalmente il cibo non è che lo ignora, ma direttamente lo schifa, dall'8 dicembre al 6 di gennaio molla gli ormeggi e naviga felice in un mondo iperglicemico. E' festa grande, fatta di zuccheri e caramellature, glasse e farciture, fritti e impanature, insomma chi più ne ha (di calorie) ne metta. Ci vuol niente a immedesimarsi, un po' come il trenino alle feste: è scientificamente inevitabile farcisi trascinare dentro e ballare "A E I O U IPSSSILON" come se non esistesse un domani.




* discoteca molto in voga tra la gioventù universitaria nei primi anni del 2000, NdB.

5 commenti:

  1. ah, il solito problema delle decorazioni natalizie! io ho risolto così: neanche mezza!:-D

    e rivoglio il pachuca.... :'(

    by RickyF :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quoto Ricky! Rivoglio il Pachuca!!! sigh
      Annina

      Elimina
  2. hahahahahah quoto in pieno. e pure io sono caduta nella trappola del post natalizio. Harry ti presento sally..favoloso. ma quando lo rifanno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, ma nel dubbio programmo una visione privata da DVD!!!

      Elimina

io non ti chiedo necessariamente un login, ma tu sii gentile e fatti riconoscere :)